Posti di montagna straordinari da visitare almeno una volta nella vita

Posti di montagna straordinari da visitare almeno una volta nella vita

Oggi vi vogliamo presentare alcuni posti di montagna da visitare assolutamente almeno una volta nella vita. Sono quei posti WOW che sembrano scesi direttamente dal Paradiso e lasciano tutti a bocca aperta.

Alcuni di questi posti sono poco conosciuti, altri invece sono famosi e molto frequentati proprio per la loro bellezza.
Anche chi non ama particolarmente la montagna rimane rapito dal fascino di questi posti e spesso finisce con l’innamorarsene:

Val Venegia – San Martino di Castrozza e Val di Fiemme

panorama dalla Val Venegia in estate

E’ la tipica cartolina della montagna in estate e probabilmente il panorama offerto da questa valle avete già avuto modo di apprezzarlo nelle tantissime foto reperibili online.
Spesso in queste foto non è scritto il luogo dove è stata scattata e quindi in pochi sanno il nome di questa piccola valle interna del Trentino.

La Val Venegia si trova nel cuore del Parco Naturale Paneveggio Pale di San Martino e segna il confine tra il territorio della Val di Fiemme e San Martino di Castrozza, le due note località del Trentino Alto Adige.

Il parco è una autentica perla che ospita la foresta di abeti ed è attraversato dalle acque cristalline del torrente Travignolo.

Il fascino della Val Venegia deriva dal magnifico panorama che si vede raggiunta Malga Venegia, appena usciti dal bosco si apre la vista sulle pietra “Bianca” Dolomitica delle Pale di San Martino che contrasta con il verde intenso del bosco e dei prati, solcati dalle acque del Travignolo.

Val San Nicolo – Val di Fassa

Si potrebbe definire un paradiso nel paradiso. Sembra incredibile che la già stupenda Val di Fassa possa racchiudere in se una valle minore ancor più affascinante.

La Val San Nicolò è una piccola valle interna ma molto conosciuta. Si sale da Pozza di Fassa in Auto e si lascia l’auto in un grande parcheggio da dove parte la strada aperta solo ai residenti. Un’oasi di pace la cui tranquillità è cullata dal vivace scorrere delle acque in disgelo dalle Dolomiti.

Questo anfiteatro sa sempre stupire per il suo fascino paesaggistico e per il giusto tocco che l’uomo ha saputo dare costruendo dei piccoli fienili in legno che ne abbeliscono ancor di più lo scenario.

Dal parcheggio la meta principale è la Baita alle cascate, che come suggerisce il nome, si trova proprio ai piedi di una fantastica cascata. Posto ampio dove poter riposare tra i prati verdi e le marmotte che fanno compagnia.

Per i più intraprendenti si sale invece verso il Passo San Nicolò punto di partenza di numerose escursioni alpinistiche.

Come nella foto qui sopra, al tramonto le montagne si colorano e fanno contrasto con il verde intenso dei prati. Spettacolare anche il mese della fioritura (giugno) dove tutta la valle si colora con tantissime varietà di fiori alpini.

Seceda – Val Gardena

i colori del Seceda a settembre

Come per la Val Venegia anche il Seceda è una delle cartoline tipiche delle Alpi. Ogni anno centinaia di fotografi raggiungono la Val Gardena con il solo obiettivo di fotografare questo posto.

La sua particolarità è quella di poter ammirare di profilo le Odle. Questo gruppo montuoso appartiene alle Dolomiti e con i suoi profili netti rapisce lo sguardo ed apre il cuore.

Salire al Seceda non è difficile perchè è servito direttamente dagli impianti di risalita che salgono da Ortisei (Val Gardena).

Raggiunta la quota iniziano i sentieri che portano a scoprire un’area stupenda, che oltre alle Odle, offre un fantastico panorama verso il Sassolungo e Sassopiatto oltre che al maestoso gruppo del Sella.

Alpe di Siusi – Alto Adige

inconfondibile paesaggio dell’Alpe di Siusi

Nota a tutti perchè per molto tempo è stata la punta di diamante della promozione turistica dell’Alto Adige, l’Alpe di Siusi è di fatto il biglietto da visita del Tirolo Italiano.

Un tempo alpeggio d’alta quota (siamo a 2000m) oggi bomboniera immacolata quasi a voler rappresentare un pezzo di paradiso in terra.

Alpe di Siusi stupisce per il profilo scolpito del Sassolungo e Sassopiatto che salgono da un morbido tappeto verde, ed incontrano il cielo azzurro creando uno scenario indescrivibile.

La lungimiranza e la pragmaticità altoatesina hanno mantenuto intatto il territorio limitandone lo sviluppo immobiliare e chiudendo al traffico delle auto. Ecco che i sentieri si snodano tra i fienili, oggi baite, in legno con tanto di fiori a farli risaltare come in una sfida continua tra ciò che è più bello.

Alpeggio Verney – La Thuile

Panorama verso l’Alpeggio Verney

Le montagne della valle d’aosta non hanno nulla da invidiare a quelle del Trentino. Anzi. Alcuni paesaggi maestosi si possono trovare proprio ad ovest, dove lo spazio sembra infinito e si cammina ai piedi dei giganti di pietra.

E’ il caso dell’Alpeggio Verney, dalla vastità di questi spazi si potrebbe pensare di essere in una valle invece ci troviamo in un grande prato verde.

Da qui scendono le acque di fusione dei ghiacciai valdostani che si scontrano con il verde dei prati ed il colore dei fiori d’alta quota.

La pace assoluta e l’immensità degli spazi fa tornare al passato, quando l’intervento dell’uomo era limitato e c’era solo la natura.

Nell’Alpeggio Verney di La Thuile si ha ancora la possibilità di assaporare questa fantastica sensazione.


Voto Posti di montagna straordinari da visitare almeno una volta nella vita in estate

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...
Voto: 3.49 su 5 - 245 votanti