Val Masino in estate

Val Masino

C’è chi pensa che la montagna sia da vivere solo in inverno, per sciare e praticare altri sport outdoor che normalmente si praticano sulla neve, eppure ci sono luoghi che in estate emanano una magia unica ed è il caso della Val Masino.

Si tratta di un piccolo angolo della Bassa Valtellina, molto lontano dal turismo di massa, presentandosi come un piccolo gioiello bucolico, intimo e primordiale, non a caso inserito tra i Siti di Interesse Comunitario.


Il paesaggio che offre la Val Masino è davvero idilliaco, tra fitti boschi, pascoli verdi punteggiati da massi che sembrano sculture naturali, cascate, gorgoglianti corsi d’acqua e soprattutto formazioni rocciose in granito le cui pareti scendono vorticosamente in forma di lastroni scenografici.

Cosa Fare e cosa vedere

La Val Masino rappresenta la zona più montuosa della Lombardia, nel cuore dell’arco alpino e si trova in provincia di Sondrio: è attraversata dal fiumiciattolo Masino proveniente dal Pizzo Badile ed è circondata da monti che superano i 3000 mt come il Pizzo Cengolo, il Pizzo Badile, i Pizzi del Ferro, la Cima della Bondasca, il Pizzo Ligoncio e soprattutto il Monte Disgrazia di 3678 mt di altezza.

Sono poi molte le sue valli affluenti, dalla Val dei Bagni famosa per la presenza di sorgenti termali alla Val di Mello, considerata una vera e propria palestra per gli amanti del bouldering, ossia dell’arrampicata sui sassi. Trascorrere una vacanza in estate nella Val Masino significa quindi godersi una natura selvaggia e incontaminata, tra sport all’aria purissima, passeggiate ed escursioni adatte ai più sportivi ma anche alle famiglie.

Offerte vantaggiose in Val Gardena

Scopri le migliori offerte per trascorrere una vacanza estiva indimenticabile nelle Dolomiti della Val Gardena, con pacchetti vacanza a prezzi vantaggiosi in hotel ed appartamenti a Ortisei, Santa Cristina e Selva di Val Gardena

Chalet sulle Dolomiti

Scopri le migliori offerte per trascorrere una vacanza estiva nei migliori Chalet e Baite alpine delle Dolomiti, le migliori strutture immerse nel cuore delle Dolomiti dal tipico stile alpino

adv

Non c’è nulla di più divertente che organizzare camminate nella valle, narrando ai più piccoli la storia del leggendario Gigiat, un essere dalla fattezza caprina con zoccoli e grandi corna, a guardia dell’Arco Alpino. Si narra rispetti chi ama la montagna, aiutando coloro che si trovano in difficoltà per poi dileguarsi, proprio come pare sia successo a Giacomo Fiorelli, uno degli storici gestori del Rifugio Fiorelli.

Il punto di partenza per scoprire le bellezze della Val Masino è l’omonimo borgo, la cui frazione più graziosa è Cataeggio, con le sue case in pietra con ballatoi lignei e il tetto a beole. Qui si trova la settecentesca Chiesa di San Pietro: all’interno è possibile ammirare dipinti su lamiera del Gavazzeni, un organo dell’800 della Serassi di Bergamo e una splendida Via Crucis.

Dalla frazione di Filorera, il cui simbolo è il pittoresco ponticello in pietra che solca il Masino, si può raggiungere il lago del Moss, l’ideale per rinfrescarsi durante le giornate estive trascorse in Val Masino.
San Martino è invece la frazione più antica di Val Masino ed è imperdibile raggiungere in agosto quando si celebra il patrono San Benedetto Martire con una suggestiva processione per le vie del borgo.

Trascorrere l’estate in Val Masino significa esplorare il suo splendido territorio attraverso escursioni in quello che sembra un rigoglioso giardino: non a caso ogni anno, proprio prima dell’estate, gli stessi abitanti della valle si prodigano nel Mundà e Rögà, ossia una vera e propria operazione di pulizia dei prati, espressione dell’amore viscerale che hanno per la propria terra.

Tra le escursioni più belle da fare in Val Masino c’è quella alla volta della Val di Mello, soprannominata “Yosemite d’Italia”: basta visitare questa riserva naturale per rendere merito a questa definizione, pianeggiante, attraversata da fiumi, punteggiata da laghetti e cascate (come la Durango, meta degli ice climber in inverno e la Cascata del Ferro ), con le montagne a fare da contorno.


Il sentiero per scoprire la Val di Mello parte da San Martino Val Masino: si percorre una mulattiera fino alla località Ca’ Panscer, presso la trattoria “Gatto Rosso”, per poi raggiungere il Lago del Qualido, le cui acque brillano di mille sfumature quando sono illuminate dal sole. Questo specchietto lacustre circondato dai boschi è nato in seguito a una frana che nel 2009 si è staccata da una parete del Monte Qualido.

L’escursione tocca altri luoghi simbolo della Val di Mello come il Bidet della Contessa, piccola piscina naturale dalle acque cristalline sita all’ombra di un enorme masso erratico, ma anche la Cascina Piana, nucleo di baite abitate fino a qualche tempo fa. Superata la località Rasica, sede in passato di una segheria in funzione fino all’800, si cammina in una foresta, poi tra enormi massi fino a un ponte che supera il torrentello Torrone, per poi ritrovarsi presso la bella Cascata della Chiusa. Oltrepassato un bosco all’ombra delle pareti rocciose Placche dell’Oasi ecco che si arriva agli assolati alpeggi dell’Alpe Pioda a 1560 mt di altezza, uno dei punti più scenografici dell’intera Val di Mello.

Tra i sentieri più battuti della Val Masino c’è poi il Sentiero Roma, che dalla Val Codera permette di raggiungere il Monte Disgrazia: si tratta di un percorso adatto agli escursionisti esperti e tappa nella famosa gara di skyrunning del Trofeo Kima.

Nonostante sia nata nel corso della Prima Guerra Mondiale, solo nel 1928 il CAI ne ha fatto un sentiero escursionistico e alpinistico: parte dal Rifugio Omio e raggiunge il Rifugio Ponti attraversando la Val Porcellizzo, la Val di Ferro, Val Torrone e soprattutto la Valle di Preda Rossa, tra le più caratteristiche del territorio.

Il nome di quest’ultima rimanda alla presenza di rocce rossastre che hanno peraltro forme assai curiose: la Valle di Preda Rossa è un susseguirsi di passerelle, ponti sul fiumiciattolo Duino e luoghi carichi di storia come la Capanna Ponti, costruita dallo stesso Francesco Lurani Cernuschi che a valle ha voluto erigere Capanna Cecilia, facilitando in questo modo l’accesso al Monte Disgrazia.

Il Sentiero dei Ciclopi è imperdibile per chi vuole fare pratica con l’arrampicata sui massi: si tratta di un percorso ad anello che costeggia in effetti pietre mastodontiche alte fino a 30 mt come La Torcia, Lo Scivolo, Golddrake e Sasso Minato. A catturare lo sguardo è però il Sasso Remenno, la cui altezza sfiora i 50 mt e ha quattro pareti dove tutti possono cimentarsi in scalate più o meno acrobatiche: proprio per questo motivo la Val Masino è considerata una palestra naturale per gli appassionati di Bouldering.

Per trascorrere una giornata estiva all’insegna della natura e del benessere, non c’è nulla di meglio che recarsi nella Foresta di Bagni Masino: tutti i percorsi sono attrezzati anche per persone ipovedenti e non vedenti, in modo che tutti possano scoprire la biodiversità di questo gioiellino della Val Masino.

Si può raggiungere la Foresta di Bagni Masino da San Martino, intraprendendo il Sentiero del Mulino e arrivando all’ombra del Monte Lobbia fino al Belvedere e allo Stabilimento Termale, vicino al quale c’è una sorgente termale dal quale bere liberamente le acque benefiche che scorrono nella Val Masino.

Vacanze in Val Masino

La Val Masino in estate regala ai turisti giornate all’insegna dello sport, delle passeggiate tra le bellezze naturali e incontaminate del territorio ma anche della scoperta dei suoi pittoreschi borghi.

Non basterebbe una settimana per vivere pienamente tutto ciò che la valle ha da offrire, soprattutto se si desidera scoprire anche le tradizioni e il patrimonio enogastronomico del territorio: non c’è infatti niente di meglio che concedersi un’escursione e ristorarsi in uno dei rifugi della valle come quello di Gianetti e Omio, dove degustare la Bresaola della Valtellina IGP, il formaggio Bitto IGP, i Pizzoccheri IGP, il dolce tipico Bisciola a base di uvetta e frutta secca, le mele coltivate fino a 900 mt di altezza il salume Violino e vini come Alpi Retiche IGP e il Valtellina Superiore.

Le strutture ricettive della Val Masino sono molte e rispondono a ogni tipo di esigenza, dagli alberghi e i B&B per le famiglie e perchi non vuole rinunciare alle comodità, fino ai camping adatti per dormire sotto le stelle immersi nella natura più incontaminata. Per chi vuole poi vivere un’esperienza indimenticabile c’è sempre la possibilità di dormire in rifugio, sulle vette delle montagne, godendosi albe e tramonti letteralmente spettacolari.

Vacanze estate Val Masino

Se state valutando di fare una vacanza d'estate a Val Masino qui di seguito potete trovare dei link utili per trovare Hotel ed Appartamenti vacanza.

Ricevi Offerte estate

Ricevi le migliori offerte in montagna d'estate, in Hotel, Bed and Breakfast o Appartamenti Vacanza

    Email dove ricevere offerte

    Nome e Cognome

    Dove vuoi andare in Vacanza? (destinazione preferita)



    Dati e recensione Val Masino in estate

    Regione: Lombardia
    Altitudine minima:800m S.l.m.
    Altitudine massima: 3000m S.l.m.
    Opinioni Val Masino: 0 recensioni su Val Masino

    Voto Val Masino in estate

    Voto: 3.51 su 5 - 9947 votanti
    1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
    Loading...

    Altre localita consigliate

    Scrivi una recensione su Val Masino

    Ci sono 0 Recensioni su Val Masino in estate

    Scrivi la tua recensione su Val Masino

    Trova Offerte Estate

    Le migliori offerte in montagna d'estate, in Hotel, Bed and Breakfast o Appartamenti Vacanza

      Dove vuoi andare in Vacanza?