Barcis in estate

Barcis

Una delle più belle e incontaminate vallate alpine del Friuli Venezia Giulia è senza dubbio la Valcellina: questa zona verdeggiante si trova tra le Prealpi Bellunesi e quelle Carniche ed è attraversata dall’argenteo corso del fiume Cellina.

La valle rientra in parte nel Parco Naturale delle Dolomiti Friulane, dichiarate Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO e incanta i visitatori con i suoi borghi, da Cimolais ad Andreis fino a Barcis: questo è un borgo piccolissimo e abitato da pochissime centinaia di persone e sorge sulle rive dell’omonimo lago, nato in seguito alla costruzione negli anni ’50 della diga di Ponte Antoi, il cui scopo è quello di alimentare la centrale idroelettrica situata nel cuore della Forra del Cellina.

Proprio il fiume Cellina ha reso Barcis interessante anche dal punto di vista naturalistico, avendo dato vita a canyon spettacolari tutti da scoprire nel corso di splendide escursioni.

A completare l’offerta ci sono i siti storici, legati a un passato che ha visto Barcis distrutta per ben due volte, ossia durante un incendio del 1606 e poi nel corso della Seconda Guerra Mondiale, quando questo territorio è stato teatro di scontro con i partigiani.

Estate a Barcis

sezioni pagina

Offerte vantaggiose in Val Gardena

Scopri le migliori offerte per trascorrere una vacanza estiva indimenticabile nelle Dolomiti della Val Gardena, con pacchetti vacanza a prezzi vantaggiosi in hotel ed appartamenti a Ortisei, Santa Cristina e Selva di Val Gardena

Chalet sulle Dolomiti

Scopri le migliori offerte per trascorrere una vacanza estiva nei migliori Chalet e Baite alpine delle Dolomiti, le migliori strutture immerse nel cuore delle Dolomiti dal tipico stile alpino

Gite guidate in Trentino Alto Adige

Scopri le meraviglie del Trentino Alto Adige con tour e le gite guidate. Vivi un'avventura unica tra paesaggi alpini mozzafiato accompagnato da guide esperte che svelano gli angoli segreti del territorio

adv

Barcis è una graziosa località turistica del Friuli Venezia Giulia, situata all’ombra delle Dolomiti Friulane, nel cuore della verdeggiante Valcellina: sorge al limitare della bella Foresta del Prescudin e sulle rive dello smeraldino Lago di Barcis, nelle cui limpide acque si specchiano le poco distanti vette Fara, i Monti Raut, il Cjastelat, i Monti Cavallo il Messer, i Crep Nudo e infine il Resettum, il quale sfiora i 2067 m. di altezza.

Il nome del borgo ha origini dubbie, c’è chi afferma derivi da barc in riferimento ad antiche capanne, mentre altri, come Giuseppe Malattia della Vallata, legano il nome alla parola barcia, ossia alla conca dove è stato fondato il piccolo comune friulano.

L’estate è la stagione perfetta per organizzare una vacanza a Barcis perché la natura che circonda il borgo diventata una vera esplosione di vita, di profumi e colori: l’aria è tersa e pulita, invogliando grandi e piccini a vivere ogni giornata all’aperto, tra passeggiate a piedi e attività sportive: vista la presenza del Lago di Barcis, sono soprattutto gli sport acquatici ad andare per la maggiore, tra hovercraft, wind surf, immersioni nelle acque lacustri, canoa, vela e motonautica, di cui Bracis ospita in estate i campionati.

Barcis è in ogni caso un luogo molto rilassante, che invoglia le famiglie a scoprire le sue bellezze più intime in semplici passeggiate a piedi, tra case edificate tra il ‘700 e il ‘900 come Palazzo Centi. L’edificio risale al XVII secolo ed è stata dimora dei conti Mocenigo, per poi passare ai Centi prima di diventare proprietà del Comune. Il Palazzo, sede oggi della Biblioteca Comunale e dell'”Albergo Diffuso del Lago di Bracis delle Dolomiti Friulane”, mostra un elegante stile veneziano, con doppio loggiato e una doppia fila di arcate, impreziosite dai mascheroni.

Merita una visita anche l’ottocentesca Chiesa di San Giovanni Battista, affiancata da un campanile del 1780: all’interno del luogo di culto è possibile ammirare un fonte battesimale del XVI secolo, un altare in marmo in stile barocco e un affresco raffigurante la Decollazione di San Giovanni Battista e il Banchetto di Salomè.

A Barcis si trova anche l’interessantissimo Centro Didattico della Scuola dell’Ambiente, parte del più grande Ecomuseo Regionale delle Dolomiti Friulane “Lis Aganis”: si tratta di una tappa fondamentale per educare adulti e bambini al rispetto dell’ambiente e della natura, tra mostre permanenti, collezioni didattiche, microscopi e pc.

Prendendo il Trenino della Valcellina si può poi raggiungere il borgo di Andreis, punteggiato dalle caratteristiche case in legno e pietra con ballatoio e scale esterne: questo suggestivo mezzo di locomozione turistico parte da Ponte Antoi, dove si trova il Centro Visite del Parco Naturale delle Dolomiti Friulane.

Una volta arrivati ad Andreis, vale la pena visitare il Museo dell’Arte e della Civiltà Contadina, dedicato alla vita contadina del passato, tra antichi oggetti di vita quotidiana e ricostruzione di ambienti come la malga, dove si lavorava il latte per produrre formaggio e burro, ma anche la cucina con tanto di tipico mobile cjantonâl.

Merita poi una visita l’Area Avifaunistica dove trovano ricovero tutti quei rapaci feriti e rinvenuti in zona: qui si trova anche il Nordic Life Park con una serie di percorsi totalmente apprezzati che appassioneranno gli amanti del nordic walking.

Casa fare e cosa vedere a Barcis

Barcis è un borgo piccolo che si visita in breve tempo, ma costituisce il perfetto punto di partenza per intraprendere escursioni alla scoperta di questo splendido angolo di Valcellina e la Riserva Naturale della Forra del Cellina è uno di questi.

Si tratta di un’area di straordinaria bellezza, con un’estensione di 300 ettari che vanno da Barcis a Montereale Valcellina fino ad Andreis: la riserva prende il nome dalla forra, ossia dal canyon scavato nei secoli dal fiume Cellina, che ha eroso la roccia calcarea creando questa meraviglia naturalistica da visitare assolutamente. A dominare la Forra del Cellina c’è un Ponte Tibetano da brividi alto 55 m., costruito in acciaio nel 2016: si può attraversare in totale sicurezza, con attrezzatura in dotazione composta da imbracatura, ganci e caschetto.

La forra si può ammirare anche dall’esclusiva prospettiva dello Skywalk del Dint, passerella sospesa nel vuoto raggiungibile attraverso il Sentiero Dint: il percorso ricalca il sentiero CAI 997 che parte da Ponte Antoi e si insinua nel sottobosco delle faggete. Il Sentiero Dint porta anche ad altri due belvederi che regalano la vista più bella sul Lago di Barcis e la diga di Ponte Antoi.

La Riserva Naturale della Forra del Cellina è attraversata anche dalla Vecchia Strada della Valcellina: è lunga circa 10 km ed è considerata una delle più spettacolari strade di tutto il Friuli Venezia Giulia, costeggiando le acque limpide del fiume, tra canyon e una galleria.

Da Barcis si può raggiungere facilmente la vicina Foresta del Prescudin: la si raggiunge precisamente dalla località di Arcola e la strada arriva a Palazzo Prescudin costeggiando il torrente Prescudin. Il bosco è popolato da numerose specie animali come camosci, ermellini, donnole, cervi e lepre alpine, senza contare la presenza di uccelli come aquile reali, poiane e sparvieri.

Tra le escursioni più belle da fare partendo da Barcis c’è il Sentiero degli Alpini, il cui punto di partenza è il Lago di Barcis: si costeggia lo specchio lacustre fino alla località Fontane, per poi arrivare alla sponda opposta costeggiando i torrenti Pentina e Cellina.

Si supera un ponte e una parete recante ancora i fossili di molluschi risalenti ad almeno 100 milioni di anni fa, fino a imboccare il sentiero degli Alpini, che porta gli escursionisti alla diga di Ponte Antoi e alla Vecchia Strada della Valcellina, passando per le faggete della Montelonga.

Vacanze a Barcis

Chi decide di trascorrere qualche giorni di vacanze estive a Barcis, sappia che basta 1 settimana può essere sufficiente per poter conoscere ogni angolo e bellezza di questo borgo gioiello della Valcellina. Il paese si visita in poco tempo e le escursioni non portano via troppo tempo, in quanto mirano a raggiungere luoghi non troppo lontani dal centro di Barcis.

Scoprire Barcis significa partecipare anche al folclore del luogo e proprio in occasione del Solstizio d’Estate si svolge la “Notte di San Giovanni”, una festa legata all’uso delle erbe in passato, alle quali si attribuivano addirittura poteri magici. In questa occasione la piazza centrale di Barcis espone le tradizionali 14 erbe magiche, tra barba di capra, iperico, alloro e salvia.

I turisti che decidono di fare una vacanza a Barcis, potranno scegliere la soluzione migliore per il loro soggiorno, tra case vacanze, alberghi ricercati, strutture più economiche e agriturismi immersi nella natura, dove degustare la cucina del posto, tra frico, Prosciutto San Daniele, cjarsons e ai formaggi come il Montasio DOP.

Vacanze estate Barcis

Se state valutando di fare una vacanza d'estate a Barcis qui di seguito potete trovare dei link utili per trovare Hotel ed Appartamenti vacanza.

Ricevi Offerte estate

Ricevi le migliori offerte in montagna d'estate, in Hotel, Bed and Breakfast o Appartamenti Vacanza

    Email dove ricevere offerte

    Nome e Cognome

    Dove vuoi andare in Vacanza? (destinazione preferita)



    Dati e recensione Barcis in estate

    Regione: Friuli Venezia Giulia
    Opinioni Barcis: 0 recensioni su Barcis

    Voto Barcis in estate

    Voto: 3.63 su 5 - 169 votanti
    1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
    Loading...

    Altre localita consigliate

    Scrivi una recensione su Barcis

    Ci sono 0 Recensioni su Barcis in estate

    Scrivi la tua recensione su Barcis

    Trova Offerte Estate

    Le migliori offerte in montagna d'estate, in Hotel, Bed and Breakfast o Appartamenti Vacanza

      Dove vuoi andare in Vacanza?